Le ragazze di Napoli battute in finale

Il Littoriale

Il Littoriale

Sul campo della Ginnastica Roma, in viale del Muro Torto 1, si gioca la finale del campionato di pallacanestro femminile. Le ragazze della Canottieri Milano battono per 20-3 l’A.P. Napoli, per il terzo anno (e il secondo consecutivo) al secondo posto. Nello scambio di doni prima della partita, le napoletane offrono un mazzo di fiori, le milanesi ricambiano con un panettone (fonte: Il Littoriale). Le milanesi giocano in maglia bianconera.

A.P. Napoli: Carmen Nasti, Venza Zinetta, Pinetta Marigliano, Vera Scaglia, Maria Colonna; Grazia Degni, Ebe Perego. All.: Cacace.
Canottieri Milano: Neri Bertolini, Marisa Cavallotti, Pierina Borsani, Ilda Colombo, Bruna Bertolini; Pia Cavallotti, Olga Campanati.

Bruna Bertolini scrive per il Littoriale: “Alle tenaci e valorose avversarie napoletane, che tanto hanno fatto perché lo scudetto restasse per almeno un anno sotto il loro bel cielo azzurro, vada il plauso più sincero per la tenace passione che le anima e per i progressi compiuti in questi ultimi due anni”.

Così, le napoletane erano arrivate alla finale. Poiché le squadre campane e lombarde sono solo una per regione, i campionati regionali campani e lombardi non si disputano, e Napoli e Milano sono dichiarate automaticamente Campioni di Campania e di Lombardia, accedendo direttamente alla fase finale. Essendo invece le squadre laziali due, il campionato laziale fu invece disputato per selezionare la squadra campione del Lazio che avrebbe partecipato alla fase finale.

7 maggio 1933: Napoli-Guf Roma 17-3
21 maggio 1933: Guf Roma-Napoli 4-13

le foto

1933. Finale scudetto femminile: Milano-Napoli (le milanesi in maglia bianconera)

1933. Finale scudetto femminile: Milano-Napoli (le milanesi in maglia bianconera)

1933. Finale scudetto femminile: Milano-Napoli (le milanesi in maglia bianconera)

1933. Finale scudetto femminile: Milano-Napoli (le milanesi in maglia bianconera)

Napoli perde la finale scudetto femminile

La Pallacanestro Napoli nel 1932. Da sin.: Rosaria Imparato, Renata Borgström, V. Brun (all.), Isabella Panzini, Maria Colonna di Stignano, Egle Chiurazzi, Toy Carrara, Luisa Krebs.

La Pallacanestro Napoli nel 1932. Da sin.: Rosaria Imparato, Renata Borgström, V. Brun (all.), Isabella Panzini, Maria Colonna di Stignano, Egle Chiurazzi, Toy Carrara, Luisa Krebs.

1932. La finale scudetto di basket femminile. La Stampa

1932. La finale scudetto di basket femminile. La Stampa

La finale si gioca a Napoli. La Gioiosa Milano si impone per 13-11 (9-8 nel primo tempo)
Gioiosa
Bruna Bertolini (5+2), Pierina Borsani (4+2), Olga Campanati, Cavallotti ?? (I), Cavallotti Pia (II) e Colorato. Allenatore: Egidio Ghirimoldi.
Napoli

Borgström, Carraro (6+2), Chiurazzi (1 nel s.t.), Colonna, Krebs, Imparato (2 nel p.t.) e Pansini. Allenatore: Vittorio Brun.
Arbitro: Jones, di Roma
Note: presente in tribuna il Principe di Savoia.

Napoli chiude al 2° posto

1931-32. La squadra dell'Associazione Pallacanestro Napoli

1931-32. La squadra dell’Associazione Pallacanestro Napoli

L’A.P. Napoli chiude al 2° posto il campionato di basket, giunto alla dodicesima edizione. Napoli aveva vinto il suo girone eliminatorio qualificandosi alla fase finale. Lo scudetto va alla Ginnastica Triestina.

Questa la stagione dell’A.P. Napoli:
Girone eliminatorio
20 marzo 1932: Ginnastica Roma-A.P. Napoli 8-14
3 aprile 1932: A.P. Napoli-Virtus Partenopea 23-12
10 aprile 1932: A.P. Napoli-Ginnastica Roma 10-11
24 aprile 1932: Virtus Partenopea-A.P. Napoli sospesa per incidenti
15 maggio 1932 (a Portici, a porte chiuse): Virtus Partenopea-A.P. Napoli 7-26
22 maggio 1932 (spareggio, a Formia): A.P. Napoli-Ginnastica Roma 15-9 (La formazione e i punti: G. De Luca 2, E. De Luca, Pelliccia 6, Iannello 5, Rossi 2)

basket32Girone finale
29 maggio 1932: Borletti Milano-A.P. Napoli 13-15
12 giugno 1932: A.P. Napoli-Ginnastica Triestina 18-28
26 giugno 1932: A.P. Napoli-Borletti Milano 11-8
29 giugno 1932: Ginnastica Triestina-A.P. Napoli 30-6 (In campo: Gallina, Cacace, Guidotti, Iannello 5, Pelliccia 1)

Classifica: Triestina 8 punti, A.P. Napoli 6, Borletti 3, Guf Torino 0 (si è ritirato dal girone dopo aver giocato la prima partita)

Campania-Kalev 22-18

Una delle prime partite internazionali, probabilmente la prima, nella storia della pallacanestro napoletana. I campioni estoni del Kalev sono in turnée in Italia. Dopo aver affrontato una rappresentativa del Lazio, giocano anche contro una selezione della Campania.
La Campania si impone per 22-18 secondo La Stampa e per 22-20 secondo il Littoriale. Queste le squadre.

Campania: De Luca I, De Luca II, Pelliccia, Janniello, Guidotti.
Kalev: Altosaar, Tama, Margevitsch, Sintman, Mikk; Viksten, Tanin.

La finale scudetto delle ragazze di basket

La squadra di basket femminile di Napoli perde la finale scudetto (seconda edizione del campionato italiano) contro la Triestina. Si gioca a Firenze. Il punteggio finale è di 20 a 2. Il Littoriale scrive che la sola napoletana a salvarsi è Renata Borgstrom.

“La vittoria conquistata dalle alabardate sul campo fiorentino ha però i suoi nei. (…) Favorite da un arbitraggio troppo indulgente, riuscivano in trenta minuti di giuoco, eccessivamente rude, a demoralizzare le atlete campane, le quali avvilite e contuse terminavano la partita sui ginocchio. (…) Vogliamo sperare che soltanto la decisa volontà di portare in società l’ambito titolo abbia spinto le ragazze di Antonini a dare un cattivo saggio di pallacanestro. (…) Le ragazze del munifico marchese De Stefano hanno pagato a loro spese quanto sia deleteria l’emozione; è stata una amara esperienza che servirà loro d’ammaestramento. Le compagne della gentile Borgstrom non debbono avvilirsi, occorre rimettersi nuovamente al lavoro con maggiore volontà e con indomita volontà”.

Triestina: Manfredo 2, Coselli, Novak, Martini 4, Bidoli 2. Riserva: Steiner 6.

Napoli: Borgstrom 2, Carrara, Chiurazzi, Kreby, Marasco. Riserve: Borgstrom II, Sorrentino.

Arbitro: Bourlot

 

Napoli eliminata nel girone di semifinale

Sfuma per l’Associazione Pallacanestro Napoli la qualificazione alle finali scudetto di basket. Nell’ultima giornata del girone, battuto il Guf Torino ma contemporaneamente la Ginnastica Roma si impone sulla Fiat Torino restando al primo posto. Questi i risultati

8 marzo 1931: A.P. Napoli-Giovane Italia Roma 25-18
22 marzo 1931: Fiat Torino-A.P. Napoli 12-13
29 marzo 1931: A.P. Napoli-Ginnastica Roma 11-31
10 aprile 1931: Guf Torino-A.P. Napoli 34-17
19 aprile 1931: Giovane Italia Roma-A.P. Napoli 3-14
3 maggio 1931: A.P. Napoli-Fiat Torino 26-9
11 maggio 1931: Ginnastica Roma-A.P. Napoli 42-11 o 24-13 secondo altre fonte
17 maggio 1931: A.P. Napoli-Guf Torino 24-19

Classifica: Ginnastica Roma 14; A.P. Napoli 12; Guf Torino 7, Giovane Italia Roma 3; Fiat Torino 2.