Lazio-Napoli 1-1

Coppa Italia, andata semifinale

LAZIO (4-3-3): Berisha; Basta, de Vrij, Mauricio, Radu; Cataldi, Biglia, Parolo; Candreva (27′ Keita), Klose (36′ st Perea), Felipe Anderson. In panchina: Marchetti, Strakosha, Novaretti, Braafheid, Cavanda, Ederson, Ledesma, Onazi, Oikonomidis. Allenatore: Pioli.
NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Mesto, Albiol (31′ st Koulibaly), Britos, Ghoulam; Inler, David Lopez; Gabbiadini (27′ st Callejon), De Guzman (36′ st Hamsik), Mertens; Higuain. In panchina: Rafael, Colombo, Strinic, Jorginho, Duvan. Allenatore: Benitez.
ARBITRO: Damato di Barletta.
RETI: 33’pt Klose; 13’st Gabbiadini.
NOTE: serata piovosa, terreno in buone condizioni, spettatori 30.000. Ammoniti: Britos, Basta, Mesto, Gabbiadini, David Lopez, Klose, Keita, Inler. Angoli: 6-5 per la Lazio. Recupero: 1′; 4′.

Annunci

Napoli-Inter 1-0

Coppa Italia, quarti di finale

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Koulibaly, Albiol, Britos, Strinic; Gargano, David Lopez; Callejon (28′ st Mertens), Hamsik (30′ st Gabbiadini), De Guzman 6 (39′ st Ghoulam); Higuain. In panchina: Rafael, Colombo, Jorginho, Maggio, Uvini, Inler, Zapata. Allenatore: Benitez.
INTER (4-3-3): Carrizo; Santon (41′ st Dodò), Ranocchia, Juan Jesus, Nagatomo; Brozovic, Medel, Hernanes (29′ st Guarin); Shaqiri, Icardi, Puscas. In panchina: Handanovic, Berni, Palacio, Kovacic, Podolski, Vidic, Kuzmanovic, Obi, Donkor, Bonazzoli. Allenatore: Mancini.
ARBITRO: Massa di Imperia.
RETI: 48′ st Higuain.
NOTE: serata fredda, terreno in discrete condizioni, spettatori 45mila circa. Espulsi: Ammoniti: Shaqiri, Juan Jesus, Medel, Gargano, Puscas, Ranocchia. Angoli: 6-4 per l’Inter. Recupero: 1′; 4′.

Napoli-Udinese 7-6 dopo calci di rigore

Coppa Italia, sedicesimi di finale (gara secca)

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Mesto, Henrique, Britos, Strinic; Gargano (27′ st De Guzman), Jorginho;
Gabbiadini (39′ st Callejon), Hamsik, Mertens; Zapata (6′ sts Higuain). In panchina: Rafael, David Lopez, Koulibaly, Maggio, Colombo. Allenatore: Benitez.
UDINESE (3-5-1-1): Scuffet; Widmer, Heurtaux, Danilo; Jaadi (28′ st Kone), Hallberg (31′ st Guilherme), G.
Silva, Allan, Pasquale; Fernandes; Thereau (28′ st Aguirre). In panchina: Karnezis, Bochniewicz, Faraoni, Piris, Jadson, Pontisso, Jankto, Vutov, Di Natale. Allenatore: Stramaccioni.
ARBITRO: Orsato di Schio.
RETI: 13′ st Thereau, 20′ st Jorginho (rig.), 9′ pts Hamsik, 14′ pts Kone.
SEQUENZA RIGORI: Fernandes (gol), De Guzman (gol), Guilherme (gol), Jorginho (gol), Kone (gol), Mesto (gol), Danilo (gol), Hamsik (gol), Allan (parato), Higuain (gol).
NOTE: spettatori 10.000 circa. Al 4′ pt rigore fallito da Mertens. Espulso: al 24′ Widmer per doppia ammonizione. Ammoniti: G. Silva, Hallberg, Thereau, Heurtaux, Jorginho, Mesto, Strinic. Angoli: 8-7 per l’Udinese. Recupero tempo: 0′, 3′.

Napoli-Cesena 4-0

Napoli (3-5-2): Iezzo – Cupi (23’ st De Zerbi), Cannavaro Domizzi – Grava, Hamsik, Gargano, Bogliacino (30’st Montervino), Rullo – Lavezzi, Calaiò (34’ st Sosa). A disp: Gianello, Savini, Maldonado, Dalla Bona. All: Reja.

Cesena (4-5-1): Berti – Doudou, Ola, Biasi (27’ st Vagnati) Cortellini (8’ st Mezavilla) – Vascak, Sacilotto, De Feudis, Solvetti, Botta – Aurelio (11’ st Vignati). A disp: Sarti, Tonucci, Buda, Mazzotti, Caldi.

Arbitro: Velotto di Grosseto. Assistenti: D’Agostini e Di Prisco Quarto uomo: Tozzi.

Reti: 19’ pt Calaiò, 40’ pt Hamsik, 29’ st De Zerbi, 47’ st autogol Vignati.

Note: espulso Sacilotto all’8’ st per condotta violenta ai danni di Rullo. Ammonito: Domizzi. Angoli: 8 a 2 per il Napoli. Spettatori: 25mila circa.

Napoli-Verona 4-0

Coppa Italia 1976. Juliano riceve il trofeo

Allo stadio Olimpico di Roma.

Napoli: Carmignani; Bruscolotti, La Palma; Burgnich, Vavassori, Orlandini; Massa, Juliano, G. Savoldi, Esposito, Braglia. All.: Del Frati e Rivellino. 

H.Verona: Ginulfi; Bachlechner, Sirena; Guidolin (77′ Vriz), Castellani, Nanni; Franzot, Mascetti, Luppi (67′ Macchi), A. Moro, Zigoni. All.: Valcareggi. 

Arbitro: R. Lattanzi di Roma.

Reti: 76′ Ginulfi aut., 78′ Braglia, 79′ e 86′ Savoldi

le immagini

foto

Napoli-Roma 0-2

L’edizione 1958 della Coppa Italia fu la prima dopo la sospensione avvenuta durante la guerra, nel 1943. La decisione di far disputare di nuovo la Coppa Italia venne presa a campionato in corso, in quanto si era diffusa la notizia che l’UEFA stava per organizzare un secondo torneo internazionale per club dopo la Coppa dei Campioni, ma riservato ai club vincitori di coppa nazionale, la futura Coppa delle Coppe. In realtà la Coppa delle Coppe iniziò poi nel 1960. Si sfruttò il fatto che il campionato 1957/58 era terminato in leggero anticipo, per consentire eventualmente all’Italia di partecipare alla Coppa del Mondo in Svezia. Alla fine però l’Italia non riuscì a qualificarsi e così le partite di Coppa Italia offrirono un’alternativa agli spettatori che non erano interessati alla contemporanea Coppa del Mondo. Si trattò quindi dell’unica Coppa Italia disputata nell’arco di un anno solare, da giugno a settembre.