Lazio-Napoli 1-2

Prima giornata di Serie A, in anticipo al sabato sera. E’ la prima partita che viene trasmessa in diretta sulla nuova piattaforma in streaming Dazn: polemiche per il ritardo del segnale e il buffering. Annullato un gol a Milik sull’1-0 per la Lazio dopo revisione alla Var: fallo di Koulibaly su Radu. Nel finale un palo di Acerbi per la Lazio.

LAZIO (3-5-1-1) Strakosha; Luiz Felipe (dal 1′ s.t. Bastos), Acerbi, Radu; Marusic, Parolo (dal 44′ s.t. Cataldi), Badelj (dal 23′ s.t. Correa), Milinkovic, Caceres; Luis Alberto; Immobile. (Guerrieri, Proto, Wallace, Basta, Durmisi, Jordao, Murgia, Caicedo, Rossi). All. S. Inzaghi.
NAPOLI (4-3-3) Karnezis; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Hamsik (dal 25′ s.t. Diawara), Zielinski (dal 40′ s.t. Rog); Callejon, Milik, Insigne (dal 31′ s.t. Mertens). (Ospina, Marfella, Maksimovic, Chiriches, Malcuit, Luperto, F. Ruiz, Ounas, Verdi). All. Ancelotti.
ARBITRO Banti.
MARCATORI Immobile (L) al 25′, Milik al 47′ p.t.; Insigne (N) al 14′ s.t.
NOTE nessun ammonito o espulso.

la sintesi

le immagini

Lazio-Napoli 1-1

Coppa Italia, andata semifinale

LAZIO (4-3-3): Berisha; Basta, de Vrij, Mauricio, Radu; Cataldi, Biglia, Parolo; Candreva (27′ Keita), Klose (36′ st Perea), Felipe Anderson. In panchina: Marchetti, Strakosha, Novaretti, Braafheid, Cavanda, Ederson, Ledesma, Onazi, Oikonomidis. Allenatore: Pioli.
NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Mesto, Albiol (31′ st Koulibaly), Britos, Ghoulam; Inler, David Lopez; Gabbiadini (27′ st Callejon), De Guzman (36′ st Hamsik), Mertens; Higuain. In panchina: Rafael, Colombo, Strinic, Jorginho, Duvan. Allenatore: Benitez.
ARBITRO: Damato di Barletta.
RETI: 33’pt Klose; 13’st Gabbiadini.
NOTE: serata piovosa, terreno in buone condizioni, spettatori 30.000. Ammoniti: Britos, Basta, Mesto, Gabbiadini, David Lopez, Klose, Keita, Inler. Angoli: 6-5 per la Lazio. Recupero: 1′; 4′.

Lazio-Napoli 0-1

Serie A, 19. giornata

LAZIO (4-3-3): Berisha; Basta, Cana, Radu, Cavanda (38′ st Pereirinha); Parolo (36′ st Cataldi), Biglia, Ledesma (1′ st Klose); Candreva, Djordjevic, Keita. In panchina: Strakosha, Guerrieri, Novaretti, Konko, Tounkara, Onazi. Allenatore: Pioli.
NAPOLI (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Strinic; Gargano, David Lopez; Callejon, de Guzman (38′ st Jorginho), Mertens (17′ st Hamsik); Higuain (41′ st Zapata). In panchina: Andujar, Colombo, Henrique, Mesto, Inler, Gabbiadini. Allenatore: Benitez.
ARBITRO: Rizzoli di Bologna.
RETE: 18′ pt Higuain.
NOTE: giornata mite e coperta; terreno in discrete condizioni. Ammoniti: Ledesma, David Lopez, Parolo, Mertens, Keita, Gargano. Angoli: 5-2 per la Lazio. Recupero: 2′; 5′.

Risultati – 17 gennaio: Empoli – Inter 0-0, Palermo – Roma 1-1; 18 gennaio: Cesena – Torino 2-3, Chievo – Fiorentina 1-2, Genoa – Sassuolo 3-3, Juventus – Verona 4-0, Lazio – Napoli 0-1, Milan – Atalanta 0-1, Parma – Sampdoria 0-2, Udinese – Cagliari 2-2.

Classifica – Juventus 46 punti, Roma 41, Napoli e Sampdoria 33, Lazio 31, Fiorentina 30, Genoa e Milan 28, Inter e Palermo 26, Sassuolo 25, Udinese 24, Torino 22, Verona 21, Atalanta 20, Empoli 19, Chievo 18, Cagliari 16, Cesena 9, Parma 9 (-1).

Lazio-Napoli 0-2

Serie A, 21. Giornata, 5 febbraio 1934

Il Napoli festeggia la vittoria con una passeggiata serale al Colosseo. Il massaggiatore Beato si accorge di aver vinto al Lotto. Crede di essere milionario, Garbutt gli fa notare che ha puntato solo 10 centesimi e la vincita è di 60 lire. Offre la cena al ristorante. Lo racconta il Littoriale del martedì.

Il tabellino
Lazio: Sclavi; Bertagni, Del Debbio; Rizzetti, Tonali, Fantoni II; Guarisi, Bisigato, Fantoni III, Buscaglia, De Maria. All.: Stürmer
Napoli: Cavanna; Vincenzi, Castello; Colombari, Buscaglia, Rivolta; Visentin, Vojak, Sallustro, Rossetti, Ferraris II. All.: Garbutt
Arbitro: Ciamberlini di Sampierdarena
Reti: 32’ pt Visentin, 25’ st Ferraris II

Le foto

Napoli-Lazio 2-1

1933-34. Napoli-Lazio 2-1. Il primo gol di Sallustro

Serie A, 4. giornata

Il Napoli vince la prima partita del suo campionato. Il portierino Alfieri, che era stato protagonista a Milano sette giorni prima, viene descritto come emozionato davanti al proprio pubblico e incerto, protagonista di errori marchiani (La Stampa). Il Littoriale scrive che quattro volte c’è stato un salvataggio sulla linea dopo un errore del portiere: tre volte Vincenzi e una Innocenti. C’è pure quello che oggi chiamiamo gol fantasma di Filò: la palla batte sotto la traversa e rimbalza in campo, non viene concesso. Continua a leggere

Lazio-Napoli 0-1

18. giornata serie A
19 febbraio

1932-33. Lazio-Napoli 0-1

1932-33. Lazio-Napoli 0-1

1932-33. Lazio-Napoli 0-1 Il Littoriale

1932-33. Lazio-Napoli 0-1 Il Littoriale

Il Napoli torna a vincere in trasferta dopo tre mesi. Ci riesce nonostante la seconda assenza consecutiva di Sallustro dopo le critiche del presidente Savarese e nonostante giochi con un uomo in meno. I giornali fanno ironia: “E’ febbre di cuore…”. Al 17′ si infortuna Ferraris che è costretto ad uscire dal campo. Rientrerà nel secondo tempo ma resterà inutilizzabile. Contusione al ginocchio: resta a Roma per farsi curare. Garbutt si sbilancia: “Lo scudetto? Perché non dovrei dire che vinciamo noi se siamo al terzo posto e possiamo tornare in alto?”.

LAZIO
Carniato; Bertagni, Del Debbio; Pardini, Serafini, Fantoni II; Guarisi, Buscaglia, Bisigato, Castelli, Pomponi. All.: Karl Stürmer
NAPOLI
Cavanna; Vincenzi, Innocenti; Colombari, Buscaglia, Boltri; Benatti, Gravisi, Vojak, Ranelli, Ferraris II. All.: Garbutt.
Arbitro: Mattea di Torino
Reti: nel s.t. Vojak al 6′

I risultati: Bologna – Padova 1-0, Casale – Roma 1-1, Fiorentina – Torino 0-1, Juventus – Alessandria 3-0, Lazio – Napoli 0-1, Milan – Bari 2-0, Palermo – Pro Vercelli 1-1, Pro Patria – Ambrosiana 0-0, Triestina – Genoa 2-1

Classifica – Juventus 28; Bologna 26; Napoli 24; Ambrosiana 23; Roma e Torino 22; Milan 19; Fiorentina, Genoa e Padova 18; Pro Vercelli 17; Triestina 16; Lazio 15; Alessandria e Palermo 14; Bari e Casale 11; Pro Patria 8.

 

 

 

 

 

 

le foto

1932-33. Lazio-Napoli 0-1. Una parata di Caniato su tiro di Vojak, sotto lo sguardo di Del Debbio e Bertagni

1932-33. Lazio-Napoli 0-1. Una parata di Caniato su tiro di Vojak, sotto lo sguardo di Del Debbio e Bertagni

1932-33. Lazio-Napoli 0-1. Cavanna esce sui piedi di Bisigato Vincenzi osserva.

1932-33. Lazio-Napoli 0-1. Cavanna esce sui piedi di Bisigato Vincenzi osserva.

 

1932-33. Lazio-Napoli 0-1. Bisigato a terra dopo uno scontro con Vincenzi. Cavanna va a soccorrere.

1932-33. Lazio-Napoli 0-1. Bisigato a terra dopo uno scontro con Vincenzi. Cavanna va a soccorrere.

 

1932-33. Lazio-Napoli 0-1. Garbutt si sbilancia

1932-33. Lazio-Napoli 0-1. Garbutt si sbilancia

Napoli-Lazio 3-1

1932-33. Napoli-Lazio 3-1

1932-33. Napoli-Lazio 3-1

Serie A, 1. giornata

Napoli
Cavanna; Vincenzi, Innocenti; Colombari, Buscaglia, Boltri; Benatti, Vojak, Sallustro, Gravisi, Ferraris II. All.: Garbutt.
Lazio: 
Sclavi; Mattei II, Del Debbio; Pardini, Serafini, Fantoni II; Guarisi, Fantoni I, Bisigato, Fantoni III, De Maria. All.: Amilcar.
Arbitro: Mattea, di Torino
Reti: 3′ p.t. Vojak; 3′ s.t. Sallustro, 5′ st Sallustro, 20′ st Fantoni I

I risultati (18 settembre 1932): Alessandria – Juventus 3-2, Ambrosiana – Pro Patria 6-2, Bari – Milan 2-2, Genoa – Triestina 4-0, Napoli – Lazio 3-1, Padova – Bologna 0-0, Pro Vercelli – Palermo 2-0, Roma – Casale 2-0, Torino – Fiorentina 3-2

Classifica: Alessandria, Ambrosiana, Genoa, Napoli, Pro Vercelli, Roma e Torino 2; Bari, Bologna, Milan e Padova 1; Casale, Fiorentina, Juventus, Lazio, Palermo, Pro Patria e Triestina 0.

le foto

Napoli-Lazio 0-0

Serie A, 23. giornata

1931-32. Napoli-Lazio 0-0. La Stampa

1931-32. Napoli-Lazio 0-0. La Stampa

1931-32. Napoli-Lazio 0-0. Il Littoriale

1931-32. Napoli-Lazio 0-0. Il Littoriale

Il Napoli gioca senza Cavanna, che nei giorni precedenti la partita è stato colto da un attacco di appendicite. Recuperato invece Marietti, reduce da una tonsillite e pure lui a rischio alla vigilia, al punto che i giornali riferiscono la possibilità che debba andare in campo da titolare il giovanissimo terzo portiere Villa. In qualche altra versione risulta presente Benatti al posto di Buscaglia, ma la cronaca del Littoriale è alquanto esplicita e cita l’assenza di Benatti per malattia. Al 15′ minuto l’arbitro ordina un minuto di silenzio per la morte di Boselli, presidente onorario della Lazio e per la ricorrenza del secondo anniversario della morte di Giorgio Ascarelli, primo presidente del Napoli.

 

NAPOLI
Marietti; Vincenzi, Innocenti; Colombari, Volante, Fontana; Buscaglia, Vojak I, Sallustro, Mihalic, Tansini
LAZIO 
Sclavi; Mattei II, Del Debbio; Rizzetti, Furlani, Fantoni II; Cevenini V, Malatesta, Fantoni I, Castelli, De Maria
Arbitro: Lenti di Genova

I risultati (13 marzo 1932): Bari – Alessandria 1-0, Brescia – Casale 1-0, Genova – Juventus 2-0, Milan – Bologna 1-0, Napoli – Lazio 0-0, Pro Vercelli-Ambrosiana 2-0, Roma – Pro Patria 0-0, Torino – Fiorentina 1-0, Triestina – Modena 5-2

Classifica – Bologna 36; Juventus 33; Roma 28; Ambrosiana, Fiorentina e Milan 27; Alessandria, Napoli e Torino 26; Genova 21; Casale, Lazio e Pro Vercelli 20; Pro Patria 19; Triestina 16; Bari 15; Modena 14; Brescia 13

Lazio-Napoli 0-2

1931-32. Lazio-Napoli 0-2. Un'uscita alta di Cavanna

1931-32. Lazio-Napoli 0-2. Un’uscita alta di Cavanna

Serie A, 6. giornata

La Stampa

La Stampa

Si comincia alle 15 e 55. La Lazio lascia la maglia azzurra al Napoli per dovere di ospitalità e gioca con una maglia rosso fuoco bordata di celeste. Proteste da parte della Lazio per un rigore non concesso al 20′ del st per un fallo di mani di Vincenzi. Note da “Il Littoriale”. Al termine della partita, i dirigenti la S.S. Lazio hanno sporto reclamo contro l’esito dell’incontro, depositando nelle mani dell’arbitro la somma di L. 500 voluta dal regolamento. Sappiamo che i motivi tecnici che inficerebbero la validità della partita, a giudizio della S.S. Lazio sarebbero i seguenti: 1) il primo goal del Napoli sarebbe stato marcato al 47′, dopo cioè la scadenza del termine regolamentare; 2) la ripresa sarebbe durata 44′ anziché 45′; 3) per il fallo di mani di Vincenzi, pur lasciando all’arbitro il giudizio sull’intenzionalità, poiché l’hand, effettuato su una centrata di De Maria, avrebbe modificato la azione in senso efficace, dato che il pallone non sarebbe uscito dalla linea di fondo. Perciò avrebbe dovuto essere concesso il penalty alla Lazio. In tribuna, ad assistere alla partita, i figli di Mussolini:

Il Littoriale

Il Littoriale

Lazio: Sclavi; Mattei II, Del Debbio; Pardini, Furlani, Fantoni II; Guarisi, Malatesta, Fantoni I, Castelli, De Maria;
Napoli: Cavanna; Vincenzi, Innocenti; Colombari, Volante, Buscaglia; Vojak I, Vojak II, Sallustro, Mihalic, Tansini.
Arbitro: Sig. Gama di Milano
Reti: 
p.t. Mihalic 45′ s.t. Tansini 34′
Il tabellino di questa partita è in dubbio perché altre fonti riportano le presenze di Marietti al posto di Cavanna e di Benatti al posto di Volante. Abbiamo adottato la versione con Cavanna e Volante perché nella settimana che precedette l’incontro i giornali parlavano del possibile rientro dei due dopo gli infortuni, e perché nella foto viene individuato Volante.

1931-32. Lazio-Napoli 0-2

1931-32. Lazio-Napoli 0-2

Risultati – Alessandria – Bari 3-0, Ambrosiana-Pro Vercelli 4-1, Bologna – Milan 3-0, Casale – Brescia 2-1, Fiorentina – Torino 4-2, Juventus – Genova 2-1, Lazio – Napoli 0-2, Modena – Triestina 1-1, Pro Patria – Roma 2-2

Classifica – Bologna 11; Ambrosiana, Casale e Roma 9; Juventus e Triestina 8;
Genova e Napoli 7; Fiorentina e Torino 6; Alessandria e Pro Patria 5;
Brescia e Pro Vercelli 4; Lazio, Milan e Modena 3; Bari 1.

Lazio-Napoli 0-1

25. giornata serie A

 

In tribuna Mussolini. Due gol annullati alla Lazio e un rigore negato. Garbutt a fine partita ammette: “Su Pastore era rigore”. La Stampa scrive: “La squadra del Napoli ha brillato per il gioco svolto dal suo terzetto difensivo che ha dato prova di grande attività e sicurezza nei suoi componenti. A Cavanna, Vincenzi e Innocenti va la più gran parte del merito per la vittoria”. Il Littoriale scrive: “La “Lazio” ha dominato tutto il primo tempo ed ha avuto la meglio anche nel secondo, ed ha perduto. Colpa di chi? Di solito la colpa è dell’ “imponderabile”, che fa sì che la squadra migliore veda i suoi sforzi frustrati ecc. Ma stavolta la colpa si può ponderare. I terzini del “Napoli” sono stati un baluardo troppo forte e troppo difficile per la poco affiatata e molto preoccupata linea degli avanti laziali”.

Sallustro dirà: «È il terzo anno che il Duce ci onora della sua presenza, e, creda, saremmo stati molto umiliati di farci battere per la prima volta. Evidentemente la sua alta presenza è per noi uno stimolo e anche un portafortuna».

laznap3031

Lazio: Sclavi; Bottaccini, Mattei II; Pardini, Furlani, Fantoni II; Cevenini V, Fantoni I, Pastore, Ziroli, Lamon;
Napoli: Cavanna; Vincenzi, Innocenti; De Martino, Colombari, Fontana; Buscaglia, Vojak I, Sallustro I, Mihalic, Rizza;
Arbitro: Sig. Caironi di Milano
Reti: p.t. Sallustro I 28′

Ambrosiana-Alessandria 2-0, Bologna-Genoa 1-1, Brescia-Milan 3-0, Casale-Roma 0-3
Lazio-Napoli 0-1, Legnano-Juventus 1-2, Pro Vercelli-Livorno 3-1, Torino-Pro Patria 3-1
Triestina-Modena 1-1
Classifica – Juventus 42; Roma 39; Bologna e Genoa 34; Napoli 33; Modena 28;
Ambrosiana 27; Brescia, Pro Vercelli e Torino 25; Lazio e Milan 24;
Triestina 19; Alessandria 18; Pro Patria 17; Casale e Legnano 13; Livorno 10.